Chi sono

Sono un Biologo, laureato nel 2007, abilitato nel 2009, che da sempre si è interessato del legame tra nutrizione e salute. Dal 2012 sono Specialista in Scienza dell’ Alimentazione, un titolo accademico post-lauream della durata di 4 anni.Nel 2016 ho conseguito il Dottorato di Ricerca, con una tesi sul ridotto consumo energetico nelle persone sovrappeso Dal 2009 lavoro come Nutrizionista presso il Centro Obesità del Policlinico Universitario di Cagliari, dal 2010 sono iscritto all'Ordine dei Biologi (sez A n° 62277) e dal 2011 ho il mio studio personale. Ho un blog personale sui temi della nutrizione: http://nutrizione996.blogspot.it

Servizi

Lo studio mette a disposizione i seguenti servizi

Diete personalizzate e schemi alimentari

La dieta viene redatta al termine della visita, in accordo con le condizioni fisiopatologiche, le esigenze e i gusti della persona, e consegnata nei giorni successivi. 
In alcuni casi è possibile ricevere soltanto delle linee guida schematiche che possano aiutare a migliorare in maniera più flessibile la propria condizione.

Dietetici per la popolazione

Il servizio è rivolta alle mense, ai servizi di ristorazione, a case di cura ecc che abbiano necessità di un servizio di ristorazione collettiva per i propri clienti, in accordo con le normative ASL.

Educazione alimentare

Per tutte le età. In alcuni casi l’educazione alimentare che possa dare delle indicazioni generiche può essere preferibile rispetto a una dieta vera e propria.

Valutazioni

Valutazione della composizione corporea tramite bioimpedenziometro, dello stato nutrizionale, dell'apporto di energia e nutrienti. Il bioimpedenziometro è uno strumento che, tramite un flusso elettrico a bassa intensità, stima il contenuto di acqua corporea e da questa il contenuto di grasso. Il grasso corporeo è un indicatore dello stato di nutrizione. Inoltre l’acqua può essere suddivisa in intracellulare ed extracellulare.
Quest’ultima può essere indicativa di problemi (infiammazione, ritenzione idrica) se presente in eccesso. 
L’analisi del diario alimentare può inoltre fornire una stima dell’introduzione dei nutrienti e in questo modo dare un’informazione sulla carenza di alcuni nutrienti.

Articoli

Nutrizione funzionale alle malattie

È sempre più evidente come l'alimentazione giochi un ruolo importante non solo nella prevenzione ma anche nella modulazione di numerose malattie. 
Tra le malattie che rispondono all'alimentazione troviamo, oltre a quelle associate tipicamente agli eccessi alimentari come il diabete di tipo 2, le malattie infiammatorie croniche dell'intestino (morbo di Crohn, colite e rettocolite, diverticolite), quelle autoimmuni come psoriasi, tiroiditi, artrite reumatoide, sclerosi multipla, reumatiche come fibromialgia, lupus, infezioni come la candidosi,  problemi comuni come il reflusso gastroesofageo, l'acne, le allergie e le loro manifestazioni come rinite e sinusite, la sindrome dell'ovaio policistico. Tutte queste patologie  possono migliorare con l'alimentazione.
È possibile, anche se meno evidente e ancora in fase di studio, associare diete più sane alle terapie oncologiche per migliorare l'esito delle terapie tradizionali

Dieta

L’individuazione della dieta ideale si svolge in seguito alla determinazione della composizione corporea, ossia della quantità di muscolo e di tessuto adiposo, mediante l’utilizzo di uno strumento elettronico, l’impedenziometro.
La dieta non deve essere mai troppo restrittiva dal punto di vista calorico, proprio allo scopo di preservare la muscolatura a discapito del tessuto adiposo; in questo modo si evita di innescare il weight-cycling, cioè l’effetto yo-yo che può risultare più dannoso del sovrappeso stesso.
Oggi sappiamo che l’eccesso di grasso è concausa di tantissime malattie, tra cui quelle cardiovascolari, tumori, diabete di tipo II, patologie autoimmuni, respiratorie, gonadiche, osteoartrosi.
La dieta ipocalorica tradizionale non abbinata ad una attività fisica di intensità adeguata porta solo inizialmente ad una perdita di peso. 
Dopo poche settimane la perdita di peso si blocca. 
Questo perché era rappresentata per la maggior parte da perdita di muscolo e non di grasso.
Si mettono così i presupposti per un veloce recupero dei kilogrammi persi, spesso anche qualcuno in più.
Per questo è sempre importante svolgere una corretta attività fisica contemporaneamente al percorso nutrizionale.
È sempre necessaria una dieta ipocalorica con grammature per dimagrire? In realtà gli studi dimostrano che questo approccio ha una scarsa compliance, cioè viene spesso abbandonato dal paziente, e non ha un'alta percentuale di successo.
Per questo è opportuno tenere conto non solo della quantità di calorie, ma anche della qualità dei cibi che assumiamo, in modo da favorire la sazietà e ridurre il rischio di abbandono della dieta e recupero del peso

Fondamenti di nutrizione

I nutrienti rappresentano le sostanze indispensabili all'organismo per il mantenimento della vita, la sua crescita ed il rinnovamento delle sue strutture. 
Possiamo distinguere la famiglia dei nutrienti in due principali gruppi: MACRONUTRIENTI e MICRONUTRIENTI 
I primi sono necessari all'organismo in maggior quantità, nell’ordine dei grammi, mentre i secondi vengono immessi in quantità molto basse, ma sono comunque indispensabili. 
I macronutrienti si distinguono in carboidrati, proteine, grassi e fibre. 
Anche l’alcol può essere considerato in questa categoria, ma non è ovviamente indispensabile come gli altri.
I micronutrienti sono rappresentati da vitamine e minerali. In ogni alimento possono essere presenti, in proporzioni variabili, alcune decine di nutrienti; pertanto, è utile ricordare che in un regime alimentare equilibrato bisogna tener conto non solo del numero delle calorie contenute in un alimento, ma soprattutto della presenza dei nutrienti che troviamo in quest'ultimo. 
Non esiste un alimento “completo”, cioè che contenga tutti i micro e macronutrienti, e per questo gli alimenti vanno correttamente abbinati.

Alimenti

Esistono 7 gruppi alimentari, individuati grazia alla affinità delle caratteristiche e dei nutrienti che apportano. 
Ogni alimento che ingeriamo apporta sostanze nutritive specifiche: per questo è molto importante avere un'alimentazione molto varia, in modo da fornire all'organismo tutte le sostanze di cui ha bisogno. 
Per orientarci meglio e correggere l'alimentazione, esaminiamo i sette gruppi alimentari e le loro caratteristiche, come li descrivono gli esperti dell'Istituto Nazionale della Nutrizione. 

- Gruppo 1 Carni, Pesci, Uova Proteine nobili, Ferro, alcune Vitamine del gruppo B, Lipidi 
- Gruppo 2 Latte e derivati Proteine nobili, Calcio, Fosforo, alcune Vitamine del gruppo B, Lipidi
- Gruppo 3 Cereali e Patate Carboidrati, Proteine di medio valore biologico, alcune Vitamine del gruppo B 
- Gruppo 4 Legumi Proteine di medio valore biologico, Ferro, alcune Vitamine del gruppo B, Carboidrati, Fibra 
- Gruppo 5 Grassi da Condimento Lipidi, Acidi grassi essenziali, Vitamine Liposolubili 
- Gruppo 6 Ortaggi e Frutta Fonti di Vitamina A ed altre Vitamine, Minerali, Fibra, Acqua, Zucchero 
- Gruppo 7 Ortaggi e Frutta Fonti di Vitamina C ed altre Vitamine, Minerali , Fibra, Acqua e Zucchero 

All'interno dello stesso gruppo si trovano alimenti diversi: questo non vuol dire che abbiano lo stesso "valore nutritivo", ma semplicemente che hanno principi alimentari simili (es. pesce e carne contengono entrambi proteine). Solitamente una dieta ideale prevede che, quotidianamente, almeno un alimento per ciascun gruppo sia inserito nell'alimentazione. In alcuni casi sono indicati diete di esclusione che quindi evitino o minimizzino alcune categorie di alimenti.

Le sensibilità alimentari

L'argomento è molto controverso, e la comunità scientifica non ha ancora trovato una posizione univoca. 
Questo perché i test spesso non hanno un'affidabilità sufficiente e non sono raccomandati dalle società scientifiche. 
In generale può essere indicato introdurre un cibo che provochi una reazione avversa nella maniera corretta, cioè con una dieta a rotazione, in modo da ridurre il suo effetto negativo sull’organismo.
Le allergie invece prevedono una esclusione del cibo. Uno stato di infiammazione basale indotto dal cibo può essere connesso a malattie del tratto digestivo, autoimmuni, neurologiche ecc.

Nutrizione in gravidanza

La gravidanza è un periodo in cui l’alimentazione è ancora più importante: gli studi dimostrano che l’errata dieta può avere ripercussioni sul futuro stato di salute del nascituro. 
Una alimentazione scarsa o esagerata predispone infatti per una futura obesità: non è quindi necessario mangiare per 2 come si diceva una volta, ne tenersi troppo stretti. 
L’aumento di peso ideale è tra i 10 e i 12 kg. Esistono inoltre integratori che è auspicabile assumere, ma in generale una dieta con gli alimenti corretti è sufficiente a portare a termine con soddisfazione la gravidanza. 
L’acido folico, da assumere già alcune settimane prima di una gravidanza programmata per aumentare le scorte epatiche, si è dimostrato molto utile nel prevenire malformazioni. È consigliabile assumerlo per i primi mesi. 
Spesso è necessario anche integrare il ferro, il cui fabbisogno non è facilmente raggiungibile con la sola alimentazione. 
Un consiglio che do in più è quello di assumere un integratore di omega-3, sotto forma di olio di pesce o ancora meglio di olio di krill. 
Previene la depressione post- parto, è utile per lo sviluppo del sistema nervoso del nascituro e riduce il rischio di allergie. 
Attenzione però: acquistare sempre quelli con il marchio IFOS, che garantisce la sicurezza del prodotto, e smettere di assumerli un mese prima del parto perché rallentano la coagulazione.
Dopo il parto si può di nuovo assumerli, perché vengono incorporati nel latte materno. 
Dopo il parto l’allattamento al seno deve durare il più possibile, così da prevenire l’insorgenza di allergie e obesità. 
Tra gli alimenti da evitare, soia e derivati, che contenendo fitoestrogeni predispongono il bambino all'aumento di peso. 
La loro assunzione è invece benefica nelle altre fasi della vita, in particolare in menopausa.

Andrea Deledda

Via Nuoro n.10 - Cagliari
Via Bronte n.6 - Elmas (CA)

Recapiti

Telefono: 3476999585
E-mail: andredele@tiscali.it

© 2014-2020 Andrea Deledda. Tutti i diritti riservati